letture e visioni

08:35 [emo] 4 Comments



Confermo tutto ciò che ho detto all'uscita del primo volume di questa serie e rilancio (e nel rilancio è compreso pure ciò che penso del secondo arco narrativo) ora che ho letto il terzo paperback di Criminal: Brubaker e Phillips stanno componendo uno straordinario e coerentissimo mosaico nero come non ne leggevo da eoni.
Siamo dinanzi allo stato grezzo del noir, alla sua forma primigenia e incontaminata, ma considerando che parliamo di un fumetto uscito nel terzo millennio e che è stato preceduto da quintali di cellulosa e chilometri di celluloide appartenenti allo stesso genere e che hanno contribuito a (ri)definirne la sintassi, dovremmo avere ben chiara la dimensione di questo capolavoro.




Ho sempre apprezzato il lavoro di Barry Levinson, regista di non eccelso spessore ma che ha l'indubbia qualità di riuscire a condurre in porto una storia con convinzione, sguardo personale e gran capacità di far convivere attori e personaggi di non facile gestione.
Certo, qualche stronzata è riuscita a farla pure lui (chi ha detto Sfera?), ma titoli come Good morning Vietnam, l'ovvio Rain man, Sleepers e i sottovalutati Bandits e L'uomo dell'anno non possono essere vantati da tanti cineasti nella propria filmografia e a questi si va ad aggiungere Disastro a Hollywood, ottimo esempio di come anche l'esausto tema del cinema nel/sul cinema possa essere riattualizzato quando si ha qualcosa da dire e qualcuno con cui dirlo: De Niro senza smorfie paracule, un sempre meraviglioso Turturro e dei complici e divertiti Penn e Willis.

4 commenti:

Guglie ha detto...

Ed il quarto "Bad night" e' allo stesso livello se non per certi aspetti anche meglio.
Quale ti e' piaciuto di piu' fino ad ora dei 3?

emo ha detto...

il terzo, quello che mi ha colpito maggiormente per l'assoluta padronanza della materia, per la costruzione della storia/delle storie e per la scelta dei personaggi.

neikos ha detto...

Mmm...boh, per come la vedo io "L'uomo dell'anno" è un film decisamente mediocre.

Questo "disastro a Hollywood" a giudicare dai trailer sembra interessante, sono curioso di vedere quante promesse mantiene.

emo ha detto...

e io sono curioso di sapere che ne penserai dopo che l'avrai visto :)