Wolverine: Logan

08:39 [emo] 7 Comments


Una storia liscia liscia liscia, con un intreccio sul filo dell'inconsistenza, tanto da essere più il pretesto per dei segmenti narrativi collegati quasi pretestuosamente o - nel migliore dei casi - per dei momenti di impianto teatrale.

Tre personaggi - quasi tutti sullo stesso livello - che vengono gestiti da Vaughan secondo le più consuete dinamiche del triangolo: lui, lei e l'altro.
C'è il protagonista, c'è l'antagonista e c'è il/la co-protagonista che è anche cuore della motivazione del protagonista.
Dialoghi buoni, senza inutili o troppo ricorrenti tamarrate.

Risso si smarca un po' dal suo consueto approccio anarchico alla pagina e si concentra su livelli fissi di struttura e regia, ammorbidendo e semplificando il segno, ma senza perdere in robustezza.

Un'opera che fa dell'essenzialità estrema il proprio fulcro e si affida molto - forse troppo - alla partecipazione emotiva del lettore e che vede nei bei colori di Dean White un altro dei pochi punti forti.

QUI un'anteprima del volume.

7 commenti:

werther Dell'Edera ha detto...

Un BOOOOOHHH! per Brian K Vaughan...

Una delle cose più inutili che abbia letto negli ultimi tre anni... quasi quanto la roba che sta scrivendo Bendis tra Vendicatori e maxi saghe...

piccolo sfogo nerdacchioso! -___-°

emo ha detto...

E di Risso che mi dici?

werther Dell'Edera ha detto...

Risso fa sempre il suo dovere!
Io lo preferisco quando non fa i super eroi.

emo ha detto...

Pure io. E tanto pure.

Riccardo Torti ha detto...

preso ma ancora da leggere... da quel che ho visto colori spettacolari e un risso con una struttura più "classica".

poi mi frega: risso+wolverin... manco ci penso a non comprarlo

emo ha detto...

poi mi frega: risso+wolverin... manco ci penso a non comprarlo

ho vissuto lo stesso dramma :asd:

Bruno Olivieri ha detto...

Felice Pasqua! ;-)