le cose belle (le uniche che servono)

14:34 [emo] 15 Comments


E' la terza volta che ho avuto occasione di visitare il Comicon del capoluogo campano e l'anno scorso, come quest'anno, le aspettative che avevo erano piuttosto alte.
Ogni cosa ha un lato in luce e uno in ombra, quindi anche una fiera e le persone che vi si incontrano non fanno eccezione alcuna.
Ciò che m'interessa fissare qui, è solo ciò che di buono ho riportato in valigia a Sassari, che non è poco, dato che riguarda prevalentemente la sfera personale, che qua sul blog tendo sempre a evitare di sottolineare.

Qualche parola, però, mi preme spenderla e - come accennavo nel post qua sotto - riguarda soprattutto le persone con cui ho condiviso i giorni di fiera.
Non mi riferisco a tutti coloro con i quali ho avuto modo di intrattenermi piacevolmente per qualche minuto (le fiere non permettono certo di frequentare a modo tutte le persone che si può desiderare incontrare), ma a quel manipolo di guasconi con i quali ho girato per gli stand e con i quali ho passato le ore a stare spaparanzato sul balcone del castello a fumare, chiacchierare e cazzeggiare per tutti e tre i giorni.

Mi riferisco - in rigoroso ordine alfabetico - ad Antonio (con il quale, prima o poi, dovremmo davvero decidere di scrivere insieme un post fiume dedicato a un reportage cumulativo su tutte le fiere che abbiamo vissuto in compagnia), Duccio (con il quale fra qualche tempo cominceremo a fare davvero sul serio con il Benzi), a Gianfranco (con il quale stiamo già facendo sul serio con OWC) e Giuseppe (che non ha nè un sito nè un blog, ma che non avevo mai incontrato e che son stato felice d'incontrare).
Senza queste persone i tre giorni napoletani sarebbero stati particolarmente noiosi e pressochè privi di significato.
Sarei stato contento - per diversi motivi - di passare un po' di tempo in più anche con qualcun altro, ma son sicuro che non mancheranno le occasioni in futuro.

La stretta di mano fra me e il Bot immortalata nella foto che vedete là sopra sancisce ufficialmente l'involontaria tradizione che prevede che Alessandro sia quasi sempre la prima persona che vedo non appena metto piede in una fiera.


15 commenti:

bardamu ha detto...

un salutone da milano e buona Tivoli! (che alla fine non si è trasformata in un mattone per fortuna!!).

PS. è in arrivo una mail con 2 foto per "l'archivio" ;)

Antonio ha detto...

Beh, piu' che un post sarebbe un'enciclopedia...
Pensa, da Gianni al morto quanti ne abbiamo visti, senza contare le strette di mano ai figli di puttana!

Come ho detto a Giuseppe: "Ci vediamo sul blog di Emo"...

Willy ha detto...

>Beh, piu' che un post sarebbe un'enciclopedia...

...che farebbe bella mostra di sé nella mia personale libreria virtuale.

p.s. : E daje con le foto!! ^__^

emo ha detto...

@bardamu> grazie al cielo la Tivoli irradia alla perfezione. E grazie per le foto!

@antonio> piano piano direi di ragionarci su: sarebbe divertente :)

@willy> che avatar è il tuo?

Willy ha detto...

una vignetta di una mia vecchia tavola

Marin ha detto...

Botman ed Emo sembrano due Capi di Stato ^___^

Anche per me il Comicon è stata una bella occasione per incontrare un po'di gente. Ha ragione Antonio: ci si vede qui volentieri.

Da segnalare:

1) l'affluenza di gente da record;

2) la standista tettona del negozio Toys and Joys e che non ho potuto fotografare perchè la mia dolce metà (che mi accompagnava) mi avrebbe ammazzato;

3) lo Stand Planeta, che mi ha fatto capire perchè le mie spese in "fumetti" abbiano subìto un'impennata;

4) le copie di XL distribuite gratuitamente all'ingresso: davvero ottime da usare come "cuscini" per potersi sedere per terra nell'area abbeveraggio/chiacchiere/sigarette in prossimità del Bar.

5) Le foto che mi son fatto con Moebius e Nagai. Sono soddisfazioni !

6) La compagnia di Antonio, Duccio, Emo, Gianfranco, Roberta (citati in ordine alfabetico).

Claudia ha detto...

Beh anche la cornice di Castel s.Elmo non era cosa da poco :)

emo ha detto...

@marin> tutto vero, niente da aggiungere.

@claudia> la cornice del Comicon è una delle sue carte vincenti.
da semplice turista, poi, una tappa straordinariamente irrinunciabile.

Bruno ha detto...

Peccato, non aver potuto esserci. Di la verità, quanto vi è mancata, a te e ad Antonio, l'ormai mitica gara a chi in passato ha fatto la figura di m... più grossa?

emo ha detto...

@bruno> poco, dato che eravamo impegnati ad aggiornare live il curriculum!!! :)))

Fabrizio ha detto...

Ma cribbio, dopo che ha strombazzato ai quarantaquattro venti che ci sarebbe stato, Gilberto Castracani alla fine non si è fatto vedere?! E il suo "Aurore albeggianti al chiaro di luna" l'hanno poi premiato?
Bah, gente poco seria (il ciel l'aiuta)...

Bruno ha detto...

Tsè, tsè... principianti!
:-))

emo ha detto...

@fabri> so che è venuto in incognito... e la cosa ha gettato lo sconforto fra la folla urlante dinanzi allo stand della Mutandazza Productions.
Una vergogna, altro non aggiungo.

@bruno> ne riparleremo e ti faremo cambiare idea, fidati! :)

Daniele ha detto...

No, e' evidente che non avete capito.

Io ho detto che dovete scrivere un fumetto delle vostre esperienze !

Un bel brossurato alla Becco Giallo o un cartonato alla francese, ma deve essere in forma di fumetto !

E dai, avete il media piu' bello del mondo per mostrare cose tipo "le peripezie tra i vomiti nelle traversate Olbia-Civitavecchia", per dirne una !

Al lavoro, su !
Mezz'ora al giorno, ed in due mesi avete scritto tutto (forse).

emo ha detto...

@daniele> se avessi mezz'ora al giorno per i prossimi due mesi, lo farei molto volentieri.
ciò non esclude minimamente l'idea e il proponimento di mettere tutto nero su bianco, prima o poi! :)