lost in the plot

10:54 [emo] 6 Comments


Capita ai migliori, figurati se non capita anche a te.

Ed è sempre una sensazione in bilico fra l'adrenalinico e il depressivo: hai tutti i tasselli e conosci la rotta da tenere, hai una paccata di appunti tale che ne utilizzerai inevitabilmente solo la minima parte, hai le migliori intenzioni, ma hai anche il terrore più cieco di esserti immerso in una cosa più grande di te, di non riuscire a gestire in maniera credibile ed efficace tutto il magma di immagini, suggestioni, facce, parole e azioni.
Però, perso là in mezzo, sai quanto sia importante la scintilla che si sprigiona dal corto circuito di quelle due emozioni così agli antipodi e ti ritrovi con il paio di occhiali più belli attraverso cui sia possibile guardare e leggere il mondo che ti circonda.


NOTA: l'immagine qua sopra è stata piratata senza vergogna alcuna dall'ultimo numero di Internazionale, attualmente in edicola.

6 commenti:

Antonio ha detto...

Ti potrebbe interessare:

http://huzzahnoir.blogspot.com/

emo ha detto...

conoscevo già, grazie.
solo che, non capendo l'inglese, non ho colto una cosa: è una sorta di "cadavere squisito" a tema noir?

Antonio ha detto...

sì, è sempre il solito meccanismo.
Non so se partecipa anche Dave, alla parte noir...

Fam ha detto...

Michelangelo creava sculture togliendo il marmo "in eccesso". Mi sa che vale anche per la scrittura.

emo ha detto...

@fam> sono d'accordo sul fatto che si fa sempre in tempo a togliere, ma scomodare Michelangelo mi pare un pelo esagerato :)

Planetary ha detto...

Mi ha preceduto Fam :)

Emi, si punta sempre alla testa per colpire il petto :D